I "MODELLINI" BERNINIANI




Gian Lorenzo #Bernini già circa 15 anni prima della realizzazione dell'elefantino stiloforo della Minerva, aveva realizzato la Fontana dei Fiumi in Piazza Navona, superando il problema statico di sostenere l'obelisco grazie a uno scoglio, traforato su tutti i lati, sopra il quale siedono le raffigurazioni dei quattro fiumi, allusive agli altrettanti continenti allora conosciuti.
L'ardimentosa fontana venne plasmata tra il 1648 e il 1651 ma Bernini si era fatto trovare pronto già dal 1645 realizzando alcuni modellini che l'artista, furbescamente, avrebbe regalato alla potentissima Donna Olimpia Maidalchini, cognata del papa Innocenzo X Pamphilij e vera "regista" della politica romana dell'epoca. Grazie a questi modellini, che Bernini realizza anche per molte altre sue opere come, ad esempio, gli angeli di Ponte Sant'Angelo, egli si assicurò probabilmente un ampio margine di vantaggio su eventuali "avversari" (in particolar modo su Francesco Borromini, artista prediletto dei Pamphilij) nella corsa all'assegnazione dell'importante commessa.


Dato storico a parte, questi modellini sono fondamentali per comprendere come Bernini concepì man mano alcune tra le sue opere più importanti: nel nostro caso, osservando il modello, si evince che l'artista doveva in principio avere in mente un'opera un po' diversa da quella che poi è risultata. Le dimensioni e le proporzioni delle varie figure erano più ridotte, così come alcuni elementi che simboleggiano i quattro fiumi risultano differenti dalla realizzazione finale. Alcune tracce di colorazione sul modello ligneo fanno inoltre supporre che l'intenzione era quella di realizzare le varie figure in bronzo. La scelta finale in favore del travertino comportò probabilmente anche la modifica delle dimensioni delle strutture d'appoggio, che altrimenti non avrebbero sopportato il peso dell'obelisco.




IMMAGINI
Modellini per la realizzazione della Fontana dei Quattro Fiumi esposti alla mostra su Gian Lorenzo Bernini presso la Galleria Borghese - gennaio  2018



Ho una storia da raccontarti. Iscriviti alla mailing list!

* indicates required

Commenti

Post più popolari